Chi Sono

Chi sono?
Sono uno di Voi, uno dei circa otto miliardi di persone che vivono sul nostro pianeta, impantanato nella melma di una società Ipocrita, manipolato cinicamente da gruppi di potere occulto che, disponendo di illimitate risorse economiche, sempre più incisivamente e negativamente, influenzano la vita di ognuno di noi.
Il condizionamento delle masse popolari, da parte dei detentori del potere economico, ha raggiunto livelli impensabili, probabilmente persino superiori a quanto gli stessi si prefiggevano, il tutto facilitato dalla politica resa serva, dall’intero sistema dei mass media rigidamente controllato ed orientato.
Per evitare che il baratro ingoi l’intero genere umano è necessario prendere coscienza, profonda coscienza, che un ciclo di modello di sviluppo sociale si è concluso e che si rende necessario avviarne un altro, più consono alle mutate condizioni culturali, tecnologiche e sociali.
Quello di cui l’umanità nel suo complesso ha bisogno è di avviare la nascita di un nuovo Rinascimento, di una nuova società dove sarà posta la parola fine all’uomo “duale”, l’uomo che sa di essere qualcosa di diverso da quello che il sistema lo obbliga ad essere.
Dopo il lungo periodo di oscurantismo culturale, per l’uomo, è giunto il momento della Rinascita, che consiste nella riappropriazione della vera Libertà, bisogno percepito da molti uomini di pensiero, ma che non si concretizza ancora in progetto operativo.
La nostra vita è stata cambiata, non è più quella di una volta, nei secoli scorsi nascevamo, crescendo ricevevamo dalla società le conoscenze acquisite dai nostri predecessori, imparavamo quindi a lavorare ed a vivere in base alle nostre libere scelte ed alle nostre attitudini. Oggi non è più così, quando nasciamo ci viene assegnato un numero, un codice fiscale e veniamo inseriti in programmi culturali, per mezzo dei quali ci viene effettuato il “lavaggio del cervello”, in conformità con le aspettative della politica e dei  suoi padroni, i quali non hanno bisogno di uomini ma numeri, entità di consumo, schiavi.
Naturalmente, nessuno di noi vuole essere considerato uno schiavo, ma ad essere onesti, dobbiamo riconoscere che lo siamo a tutti gli effetti, pur se a livelli diversi di asservimento. E’ Il potere economico che progetta il sistema sociale ed istituzionale, attraverso una oscura rete di interconnessioni internazionali, si prefigge pochi ma vitali obiettivi: accrescere il proprio potere di controllo delle masse e concentrare in una sempre più ristretta élite, la ricchezza del pianeta.
L’élite che ci governa, per raggiungere lo scopo ultimo, quello che chiamano “Nuovo Ordine Mondiale”, opera su diversi gradini di sottomissione:

È il primo gradino di condizionamento delle masse; il programma scolastico è progettato per assorbire l’attenzione del futuro cittadino nella memorizzare e ripetizione di concetti preconfezionati, al fine di ottenere buoni voti, un diploma o una laurea e quindi guadagnarsi un lavoro, magari precario, grazie al quale, divenire un dipendente di qualcun’altro per il resto della vita. Il sistema ti preparerà ad essere un lavoratore a tempo pieno, ti sarà estremamente difficile far emergere le tue specificità, la tua mente sarà completamente assorbita dagli obiettivi del programma di studio, dai test e dai tanti esami. Negli insegnamenti che riceverai si terrà lontana ogni aspirazione di carattere spirituale e morale, sarai programmato per il gruppo e non per un tuo personale progetto di vita. La scuola non ti insegnerà l’autonomia ma la dipendenza. Uscirai dalla scuola già pronto per essere inserito in una catena di produzione e distribuzione dei beni, dove tu non sei più un soggetto pensante, produttore di idee, partecipe del progresso sociale, ma un anonimo, con una pancia da riempire e le tasche da svuotare.

Dopo aver superato tutti gli esami, dopo che sarai diventato una semplice pedina del sistema, dopo che avrai rinunciato alle tue idee, dopo che la tua spiritualità emergerà solo attraverso le tue devianze, perversioni e depressioni, dopo che solo la disponibilità di denaro sarà importante per te, entrerai a far parte a pieno titolo della schiera di schiavi che pur di sopravvivere, sarai pronto ad accettare:
un lavoro precario, una paga da fame, impegni economici sempre più gravosi, in un contesto sociale basato esclusivamente sul consumo di beni, insicuro e degradato.

La televisione è il più potente e distruttivo mezzo che il sistema di controllo utilizza per sottomettere le menti al mercato globale. I continui spot pubblicitari non ti indirizzano solo al consumo, di più, te ne rendono dipendente, schiavo della necessità di consumare. I telegiornali, trasmessi dalle reti che ormai sono per lo più di proprietà delle élite economiche, forniscono le informazioni che sono utili al padrone, per cui tu cittadino non ti farai mai un’idea della realtà sociale, ma di una realtà virtuale che coincide perfettamente con gli interessi del tuo padrone. Il resto delle programmazioni sono per lo più banali, vuoti nei contenuti, spesso volgari e violenti fino all’indecenza, ovvero così specializzati da essere compresi solo da poche menti elette.

Solo oggi mi rendo veramente conto del fosco futuro che attende ognuno di noi e non posso rimanere fermo, è necessario fare qualcosa. Sento di essere una nota, una nota sospesa in attesa di unirsi ad altre note con le quali partecipare al coro di protesta che intende opporsi al disastroso modello di sviluppo sociale, che una ristretta cerchia di avidi ed ignoranti affaristi, ha costruito a danno del progresso dell’intera umanità. Più di chi sono è quindi più giusto parlare, di chi saremo, di cosa ci prefiggiamo di realizzare noi della nascente associazione Culturale e Politica “Human Politics World”.
Saremo i “Consapevoli”, un nuovo Popolo, non più ricevitore passivo di informazioni, non più succubi di interessate mode, di insulsi stereotipi, di stupide tendenze, di comportamenti deviati, di ignoranti adoratori di feticci pronti a sottomettere la propria intelligenza pur di stare nel gregge. Impareremo insieme a disintossicarci dall’informazione deviata e deviante che oggi condiziona la nostra capacità di analizzare la realtà che ci circonda, impareremo a stare insieme alle menti pensanti.

Attualmente, la maggioranza della popolazione mondiale, percepisce l’incongruenza di un modello di sviluppo socio economico, l’attuale, assolutamente incoerente rispetto alle conquiste scientifiche, tecnologiche, rispetto alla morale, alla percezione fisica e metafisica della realtà, purtroppo il messaggio non accede né al livello della coscienza né a quello della consapevolezza. La mancanza di acquisizione cosciente e consapevole delle problematiche da parte del Popolo, permette al sistema di attribuire ad una esigua minoranza del genere umano, enormi vantaggi economici, per lo più costruiti sulla sofferenza e sul pianto di buona parte dell’umanità. Noi cittadini, dobbiamo convincerci del fatto che non usciremo dall’attuale crisi socio economica se non prendiamo coscienza che, per modificare la Politica che ci governa, dobbiamo prima di tutto modificare noi stessi, cioè riabituarci alla Consapevolezza. La Politica segna lo stato di sviluppo di una società, se oggi la maggioranza degli stati della terra esprime un potere Politico non coincidente con le aspettative dei propri cittadini, la colpa è del popolo, reso schiavo da una informazione che ne ha minato la capacità di analizzare la realtà “Consapevolmente”.

La nostra associazione, insieme a tutte le altre dissidenze, vuole promuovere la nascita di una nuova società consapevole di se stessa e capace di progettare il proprio futuro, non più condizionata dall’attuale gruppo di potere economico e mediatico. Insieme cominceremo ad allenarci all’uso del senso critico, a disintossicarci dall’informazione padronale, deviata e deviante e lo faremo iniziando con il dare risposte ad un primo gruppo di semplici quesiti, dal Blog dell’associazione “Human Politics World”. Rispondere ai quesiti ci permetterà di portare a livello della coscienza le tante decantate false verità propagandate dalla politica. Questo sarà il metodo che noi dell’associazione utilizzeremo per risvegliare la coscienza dei popoli, passaggio indispensabile per innescare la ribellione culturale, unica ancora di salvezza del genere umano. Indire una forma di referendum Popolare a livello globale utilizzando la rete, è uno dei programmi che l’associazione promuoverà per verificare se vi è rispondenza tra i desideri delle persone e le politiche messe in atto dai governanti delle Nazioni.  (leggi l’articolo: Esistono ancora stati democratici?)

Tornare a ragionare, cercare con caparbia umiltà la verità, farsi guidare dal pensiero Socratico che riteneva che la verità può trovarsi solo in ambito etico.
Non essere più vittime delle mode, ma creatori di moda, non essere elettori ma cittadini che scelgono avvedutamente i propri rappresentanti.
Amare le proprie radici, le proprie peculiarità, difenderle senza vedere negli altri un nemico da combattere ma un buon amico con cui condividere il cammino avventuroso del genere umano.
Amare la conoscenza senza diventare arroganti, amare il nostro Pianeta in tutte le sue manifestazioni di vita, sentirsene custodi, amare i bambini nostra vera eternità, difendere gli anziani dalla paura della solitudine.
Proteggere le unicità genetiche senza creare razzismo, incentivare la ricchezza privata senza che la stessa si realizzi a danno della ricchezza sociale, preservare il territorio, finanziare la ricerca scientifica, favorire in ogni ambito le espressioni artistiche e culturali, promuoverle in ogni sua espressione, abolire l’emarginazione, l’indigenza, la povertà, vedere la vita politica come traguardo morale e non come esercizio di potere, vedere nella drastica riduzione della produzione di armi letali, l’effettivo desiderio di pace, questi sono gli scopi che la nostra associazione si prefigge.
Perché questo antico sogno dell’umanità possa iniziare a germogliare nel Popolo, è necessario che la parte migliore dell’umanità si renda conto che deve diventare parte attiva della vita Politica, così come è importante che gli eserciti siano posti a difesa dei cittadini e non a difesa degli affamatori dei popoli.
Gli scienziati, non devono limitarsi a scoprire e fornire nuove conoscenze e nuove tecnologie all’Umanità, ma devono seguirne anche il percorso affinché se ne faccia un giusto utilizzo. Non è ragionevole accedere alla conoscenza che permette di sprigionare l’immensa energia latente della materia, grazie alla reazione termonucleare, per consegnarne le tecnologie costruttive a generali messi a capo di anacronistici e barbari eserciti.
Non è ragionevole dedicare la propria vita alla filosofia, senza sentire il bisogno di diventare maestro di vita.
Non ha senso passare l’intera vita a studiare l’orso Polare, capire i rischi di estinzione della specie in conseguenza del deterioramento del suo habitat, per poi non fare nulla per proteggerlo, appunto modificando la Politica economica che è alla base del disastro ambientale.
E’ insensato dedicare la propria esistenza per capire l’intimo funzionamento di una cellula, i motivi perché la stessa si trasforma in nemica dell’organismo fino a condurlo alla morte, per non sentire il bisogno che il successo di tale ricerca sia a vantaggio dell’Umanità e non di squallidi avvoltoi.
Non ha senso cantare, fare musica, dipingere se queste meravigliose espressioni dell’uomo non si sposano con un messaggio di giustizia.
Non ha senso avere agi se gli stessi si manifestano su un palcoscenico di pianto.
Non ha senso credere in un dopo se non sappiamo credere nel presente.
Non ha senso credere in Dio se non sappiamo credere nel prodotto di Dio, che è l’uomo, la vita.

Con animo Consapevole
Alessandro Marini