IL POPOLO HA BISOGNO DEL TIRANNO
11 Febbraio 2019
SCIENZA E POLITICA
27 Febbraio 2019

MONETA FINANZA E BIT COIN

 I FURTI ISTITUZIONALIZZATI

Di recente, in televisione è stato riproposto il film “La grande Scommessa”, dove vengono narrati gli eventi reali che portarono alla crisi finanziaria di Wall Street, culminata nel settembre-ottobre 2008 con il fallimento delle più importanti banche d’affari: 15 settembre 2008 Lehman Brothers – 22 settembre 2008 Goldman Sachs e Morgan Stanley, operanti nel settore dei mutui immobiliari.

Di quella crisi così distante da noi, sia geograficamente che temporalmente, ne conserviamo ancora le cicatrici, causa la globalizzazione ed interconnessione del sistema bancario, finanziario e borsistico. Chi ha già visto il film, anche se totalmente digiuno di  finanza, si sarà fatto una sommaria idea di quanta poca concretezza c’è a sostegno dei grandi movimenti di titoli e valute. Nel film, i monitor dei computer ci mostrano la creazione e la distruzione della ricchezza che è lontana anni luce dal concetto che ne ha l’uomo comune.

Oggi, nonostante le tante esperienze negative del passato, il popolo onesto, quello che crea la ricchezza reale con il proprio impegno manuale ed intellettivo,  continua a non capire che è ancora la finanza mondiale a generare il sistema perverso che tiene in scacco ogni possibilità di riscatto dell’umanità  dall’arretratezza culturale, economica e sociale.

Come se non bastasse l’attuale mostruoso sistema monetario globale, a succhiare il sangue di chi effettivamente lavora e produce, nuovi avvoltoi si affacciano nei cieli ad osservare le poche carni rimaste e di come poterle spolpare senza udibili lamenti.

I Bit Coin, letteralmente moneta elettronica, è il nuovo sistema che, ideato per contrastare gli abusi della finanza ufficiale, rischia di sommarsi ad essa per creare una nuova ristretta cerchia di beneficiari, che tra evasioni fiscali e trucchi finanziari creeranno imperi di ricchezze sugli sprovveduti risparmiatori.

Il denaro, oggi,  non  ha più nessun collegamento con la ricchezza reale, la non convertibilità della carta moneta, ha tolto ogni forma di garanzia per il portatore-proprietario della valuta, questo mancato aggancio a forme di garanzia reale, ha permesso ai gradi speculatori di organizzare ogni forma di inganno per arraffare ricchezza reale prodotta dalle persone, in cambio di semplici scritture contabili o con carta moneta (vera carta straccia), i cui valori di riferimento vengono pilotati dai vari rappresentanti la finanza mondiale.

Molti analisti ritengono che l’intero sistema monetario e finanziario, rappresentato dai tanti titoli variamente emessi, non rappresentano minimamente la realtà economica.

Il valore nominale dei titoli sopraelencati sommato al valore nominale delle valute circolanti dei singoli stati, ( oggi interconnessi dal mercato globale), rappresentano, ovvero dovrebbero rappresentare l’ammontare della ricchezza reale effettiva di riferimento, prima che venisse abolita la convertibilità della carta moneta, era l’oro detenuto dall’Istituto di emissione a garantire la corrispondenza carta/oro.

Oggi non è più così, l’economia  monetaria e finanziaria, è costruita su castelli di numeri, di previsioni, non offre nessuna garanzia di futura convertibilità con un qualche valore concreto di riferimento. Il mercato è pilotato e manipolato dai banchieri e dalle multinazionali, i quali, potendo operare liberamente, grazie alle illimitate disponibilità di denaro, condizionano a proprio vantaggio le oscillazioni di titoli e valute.  Molti analisti finanziari ritengono che il valore dei titoli e delle valute circolanti, eccedono  in modo abnorme la ricchezza effettiva di riferimento con il rischio, per noi poveri cittadini, di doverci far carico dell’ennesimo esproprio di quanto prodotto col sudore della nostra fronte, in una previsione non remota di un futuro nuovo tracollo economico-finanziario.

Quando vado dicendo è la pura realtà, ognuno di noi ha il dovere di opporsi ad un sistema di ladrocinio istituzionalizzato che permette alla parte meno sana della società di vivere da nababbi sulla pelle di chi produce ricchezza reale.

L’associazionismo deve rappresentare la fonte informativa con la quale la società risponde alla totale assenza delle istituzioni governative, inoltra la tua richiesta al Blog dell’associazione al seguente link: https://humanpoliticsworld.org

Alessandro Marini